CHI DI FACEBOOK FERISCE… (fonte: Stetoscopio – Ordine dei Medici di Vicenza)

(STETOSCOPIO, n. 4 del 18 Marzo 2019)


Se qualcuno ancora dubitava che il disagio dei medici e la misura del loro scontento fossero ormai oltre il limite di guardia, se qualcuno si illudeva che la gente (il “popolo” di cui si riempiono la bocca troppi politici per giustificare ogni loro fatto o misfatto) non capisse le sacrosante ragioni di chi, malgrado tutto, riesce a prestare loro un’assistenza medica dignitosa, quei qualcuno si convincano che dubbi e illusioni non hanno ragione di esistere.
Lo ha clamorosamente dimostrato il successo di firme, like, condivisioni e commenti che ha ottenuto la lettera aperta al Presidente Zaia di un gruppo di medici ospedalieri, iscritti al nostro Ordine e pubblicata nella nostra rivista online. La lettera è stata ripresa su Facebook e quindi inviata – con il consueto tam tam dei social – a innumerevoli indirizzi WhatsApp.
L’iniziativa aveva il sapore della sfida. Poco avvezzi a usare i social media per esternare e affrontare i problemi di una professione che si sta rivelando ogni giorno più difficile per chi la esercita e proibitiva per chi vorrebbe esercitarla, i medici vicentini non hanno gradito l’uso “garibaldino” che Zaia ha fatto di Facebook per affrontare i temi più scottanti della sanità veneta. Avrebbero preferito un approccio più istituzionale, un confronto sul campo per capire le soluzioni previste dal Governatore. Che invece ha preferito seguire la moda (o l’andazzo?) dei social media senza possibilità di un civile contraddittorio.
Troppo facile, Governatore, si sono detti i medici vicentini, che hanno voluto accettare la sfida. I numeri dimostrano che l’hanno vinta, che la categoria è compatta nel denunciare errori, storture, forzature e mancanza di idee valide del sistema veneto che va deteriorandosi sempre più. Gli stessi numeri dimostrano che la gente non è un parco buoi da maneggiare a piacimento. Dimostrano che la gente capisce, si fa carico del disagio dei suoi medici e che non si fa illusioni sul valore taumaturgico di un’Autonomia che, secondo Zaia, dovrebbe risolvere tutti i mali della sanità veneta.
Caro Zaia i social sono pericolosi anche per chi ha alle proprie dipendenze fior di addetti stampa che se ne occupano da mane a sera.
È bastata l’iniziativa di un pugno di medici vicentini, che sono scesi sul terreno scelto dal politico, per dimostrare che la verità è un’altra.
I colleghi e il “popolo” l’hanno capito…e hanno chattato! E ora sono in attesa di un confronto veramente costruttivo nell’interesse di tutti i cittadini della nostra regione.

Permanent link to this article: http://www.obiettivoippocrate.it/2019/03/chi-di-facebook-ferisce-fonte-stetoscopio-ordine-dei-medici-di-vicenza/

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.